A.N.P.I. Vicenza

Categoria: Persone

“EPPURE IL VENTO SOFFIA ANCORA. GLI ULTIMI GIORNI DI ENRICO BERLINGUER”.

L’autore (del libro e del video) è PIERO RUZZANTE.

Piero Ruzzante – giovane militante della FGCI padovana di allora e presente all’ultimo comizio di Berlinguer – ricostruisce in modo minuzioso e preciso – utilizzando anche fonti inedite – i giorni dell’agonia e della morte di Enrico Berlinguer nel giugno del 1984 dal malore allo straordinario e commovente funerale.

La narrazione di quegli eventi si accompagna ad un approfondimento sul ruolo importantissimo che il PCI di Berlinguer ebbe nella politica di quel tempo: le lotte sociali, la questione morale, la proposta di compromesso storico avanzata all’indomani del golpe cileno, le tensioni con l’Unione Sovietica, il rinnovamento dell’impianto culturale e politico del PCI, il retroterra operaio del principale Partito Comunista dell’Occidente, i difficili e conflittuali rapporti con il PSI di Craxi.

Ruzzante contesta che dopo la fine della solidarietà nazionale la politica di Berlinguer sia entrata in una fase involutiva come è dimostrato dalla sensibilità per temi di frontiera come la questione ambientale, dall’apertura all’universo femminile, dalla costante attenzione per i segmenti sociali più fragili, dal dialogo permanente con il mondo cattolico

Inoltre il libro si sofferma sull’uomo Berlinguer, sulla sua pacata riservatezza, sulla sua moralità, sul suo senso del dovere: persona schiva ma innovativa, Berlinguer ebbe il rispetto degli avversari e l’affetto della sua gente.

Personalità straordinaria della Sinistra italiana, Berlinguer è di esempio per molti e in tempo povero di grandi personalità parla ancora al nostro tempo con il linguaggio di ideali e valori non negoziabili.

https://www.utetlibri.it/lib…/eppure-il-vento-soffia-ancora/#

Erante Costa (1930-2018)

Dicono che il Costa Erante portasse questo nome bizzarro in onore a una vecchia canzone che a un certo punto dice così: “i cavalieri erranti / son trascinati al nord” – immagine romanticissima dell’epopea degli anarchici cacciati dalla Svizzera, che evidentemente aveva fatto presa sul vecchio Sech, il padre, tanto da chiamare così il figliolo,…

Attilio Crestani ci ha lasciato

Tilieto Crestani

L’ultimo partigiano componente il Comitato Provinciale ANPI, Attlio Crestani, ci ha lasciato. Le sue esequie verranno celebrate giovedì 11 maggio alle ore 15  presso il santuario dlla Madonna dell’Olmo di Thiene. “Tilieto” merita l’omaggio e la riconoscenza di tutti per il suo grande impegno nell’affermazione e nella diffusione dei valori della Resistenza e per questo…

Ferrer Visentini, in Spagna per la Libertà

di Gianni Sartori   Ferrer Visentini era nato a Trieste nel 1910. Il padre Ulderico, un calzolaio prima socialista e poi tra i fondatori del Partito comunista a Trieste, venne assassinato dai fascisti nel 1922. Gli aveva dato questo nome in memoria di Francisco Ferrer i Guardia, famoso pedagogista anarchico catalano fucilato l’anno prima, il…

Ferruccio Manea, nome di battaglia “TAR”

di Gianni Sartori Del comandante della “Brigata Ismene” (citato ripetutamente dal compaesano Luigi Meneghello, sia in “Libera nos a Malo” che in “I Piccoli Maestri”1) conservo una serie di ricordi personali, un collage di incontri e conversazioni, a volte casuali, altre più approfonditi. E tante immagini fugaci di iniziative a cui entrambi abbiamo partecipato. Sia…

Bernardo Marchezzolo “Ninin” (1923-2015)

Carissimi, purtroppo vi devo dare una triste notizia: ieri è mancato il caro compagno e amico partigiano Marchezzolo Bernardo “Ninin“, classe 1923. L’ultima volta che l’ho visto è stato a Vicenza in Sala Stucchi ad assistere alla conferenza del prof. Lucio Pegoraro sulla Costituzione. Nonostante l’età, era sempre presente ed è stato particolarmente attivo nel portare…

Vai alla barra degli strumenti