A.N.P.I. Vicenza

Natalia Miron, staffetta partigiana

Natalia MironI suoi ricordi (riportati in un libro a cura del figlio Giovanni Stragliotto) sono un miscuglio di sensibilità femminile e di lucida disamina del tempo: emozioni di bimba,  riflessioni, narrazione di eventi. Natalia ricorda la fuga  e la partenza dello zio per il viaggio  senza ritorno in Russia, il suo rimorso per non averlo ascoltato e per non averlo trattenuto e nascosto, l’immagine dell’amichetta paurosa alla prima comunione, la fede in un’Italia  diversa, l’incontro con Primo Visentin “Masaccio”, i suoi compiti di staffetta,  il rastrellamento del Grappa (“una radicale pulizia delle montagne e valli venete dai maledetti ribelli partigiani”), il fallito attacco alla polveriera di Valle Santa Felicita a Romano d’Ezzelino, l’incendio di Borso del Grappa,  i partigiani torturati, fucilati e impiccati a centinaia o radunati e inviati ai campi di concentramento a migliaia.

 

 

Comments are closed.